Regione Lombardia

Linate

Ultima modifica 17 luglio 2018

Linate non significa soltanto aeroporto: prima, viene il paese. 
La Circoscrizione più minuscola di Peschiera Borromeo, ha una storia millenaria, della quale i suoi abitanti menano giusto vanto.
Del "Comune di Linate" le pergamene antiche discorrono già nel 1150, ma il villaggio esisteva da molto tempo prima.
Sorgeva in posizione strategica, in riva al Lambro e ai bordi della strada per Paullo, costruita dai Romani due millenni orsono.

Sul ponte di Linate (riprodotto nella cartolina sottostante, edizione Galluzzi di fine anni Cinquanta) sono passati tutti: imperatori e santi, gente perbene e briganti.

Il comunello nostrano, nel quale rientravano località di qua e di là dal fiume (da Zelo a Morsenchio), visse salvo brevi parentesi fino al 1934 (c'è ancora il vecchio Municipio, palazzotto in stile Liberty di proprietà pubblica).

Quell'anno, 1934 appunto, "Linate al Lambro" si fuse con Peschiera Borromeo dando origine al Comune attuale, a causa degli sconvolgimenti provocati dall'insediamento sul proprio territorio dell'aeroporto Forlanini, che ne ridusse la superficie e parte della popolazione, costretta a emigrare.

La chiesa di S. Ambrogio, rustica fuori, grande e luminosa dentro, è del 1912. Ha sostituito quella antica, trasformata in abitazioni e laboratori. Dopo anni di stagnazione edilizia, nell'ultimo quarto di secolo Linate è sensibilmente cresciuta: nuove case, gente nuova, l'imponente Centro di Meccanizzazione Postale.

Buon per noi, è diminuito l'inquinamento atmosferico e acustico, grazie al ridimensionamento dell'aeroporto, al trasferimento alla Malpensa della maggioranza dei voli.

Quando il campanile della chiesa… finiva a punta. Venne decapitato nel 1960 per non intralciare la circolazione aerea al Forlanini. La via Rimembranze è piantumata di tigli. In ricordo dei militari del Comune, morti durante la prima guerra mondiale, ogni albero recava una targhetta metallica col nome del caduto. Sulla destra si vedono le case coloniche dell'Azienda Bassini.

 

 

Sullo sfondo l'ex Municipio del Comune di Linate al Lambro (edizione del 1939 della Cartoleria Barzaghi e delle Sorelle Radaelli, Collezione Gerosa Brichetto)