Multimateriale

Ultima modifica 19 marzo 2019

Attiva tutto l’anno. La frazione “Multimateriale”, deve essere inserita all'interno di sacchi gialli trasparenti.
Per ridurre l’ingombro si consiglia di schiacciare le bottiglie e i flaconi longitudinalmente.
Gli oggetti sporchi devono essere sciacquati prima di esser inseriti nei sacchi.

SI - Cosa INSERIRE nei sacchi:
IMBALLAGGI IN PLASTICA
-  ALIMENTARI:
bottiglie di acqua minerale (anche quelle biodegradabili), bibite, olio, succhi, latte, ecc.(*);
flaconi/dispensatori di sciroppi, creme, salse, yogurt, ecc. (*);
confezioni rigide per dolciumi (es.: scatole trasparenti e vassoi interni ad impronte);
confezioni rigide/flessibili per alimenti in genere (es.: affettati, formaggi, pasta fresca, frutta, verdura) (*);
buste e sacchetti per alimenti in genere (es.: pasta, riso, patatine, salatini, caramelle, surgelati) (*);
vaschette porta - uova;
vaschette per alimenti, carne e pesce (anche in polistirolo) (*);
vaschette/barattoli per gelati (*);
contenitori per yogurt, creme di formaggio, dessert (*);
reti per frutta e verdura;
film e pellicole (Solo in piccole quantità) (*);
barattoli per alimenti in polvere;
contenitori vari per alimenti per animali (*);
coperchi;
piatti e bicchieri monouso (*)
cassette in plastica per prodotti ortofrutticoli e alimenti in genere (Solo piccole quantità) (*)
vasi da fiori e piantine utilizzati solo per la vendita e trasporto
-   NON ALIMENTARI:
flaconi per detersivi, saponi, prodotti per l’igiene della casa, della persona, cosmetici, acqua distillata (*);
barattoli per confezionamento di prodotti vari (es.: cosmetici, articoli da cancelleria, gadget vari, articoli da ferramenta e per il “fai da te”);
scatole e buste per il confezionamento di capi di abbigliamento (es.: camice, biancheria intima, calze, cravatte);
gusci, barre, chips di imballaggio in polistirolo espanso;
reggette per legatura pacchi;
sacchi, sacchetti, buste e pellicola in plastica per imballaggi;
vaschette per alimenti e, imballaggi di piccoli elettrodomestici in polistirolo espanso;
e comunque imballaggi con i loghi elencati nell'ordinanza 77/2008 (pagina 7)


IMBALLAGGI IN ALLUMINIO E ACCIAIO:
lattine per bibite, contenitori e scatolette (*) per alimenti che hanno contenuto: legumi in genere, conserve, pelati, frutta sciroppata, tonno, sardine, olio d’oliva, carne, alimenti per animali, alcune bevande e caffè, ecc.;
bombolette spray per alimenti e prodotti per l’igiene personale (deodoranti, lacche, panna, schiuma da barba, insetticidi) private dei nebulizzatori di plastica;
fogli di alluminio da cucina e involucri da cioccolata o dolci solidi;
vaschette e contenitori per la conservazione e il congelamento dei cibi (*);
chiusure metalliche per vasetti di vetro contenenti confetture, pesche sciroppate, sottaceti, marmellate, miele, passate di pomodoro, succhi di frutta formato famiglia, ecc.;
tappi a corona applicati sulle bottiglie di vetro contenenti acqua, vino, succhi di frutta, olio, liquori, bibite, ecc.;
coperchietti dello yogurt e similari;
blister dei medicinali liberati dai contenuti; tubetti flessibili (es. maionese, acciughe, concentrati di pomodoro, ecc.);
scatole in acciaio utilizzate per le confezioni regalo di biscotti, cioccolatini, caramelle, dolci, liquori, ecc.

(*) prima di inserire il rifiuto nel sacco, è opportuno provvedere ad eliminare residui di qualsiasi genere anche lavando il contenitore.

NO - Cosa NON inserire nei sacchi:
rifiuti ospedalieri;
elettrodomestici,
casalinghi,
complementi d’arredo;
giocattoli;
custodie per CD/MC/VHS;
posate di plastica;
borse, zainetti;
posacenere, matite;
oggetti in plastica rigidi (rasoi, ecc), vasi per piante;
canne per l’irrigazione, stivali in gomma;
scarponi da sci;
tavolini e sedie;
contenitori per liquidi etichettati con i simboli “T” (tossici) e/o “F” (Infiammabili);
pentole in acciaio e alluminio; ecc.

TETRAPAK
contenitori latte, vino, succhi di frutta, confezioni verdure in conserva, panna.